3:32 am

Svegliarsi per l’effetto di una violenta ninna nanna con il letto che ti balla sotto, il tintinnìo dei mobili, il fischio degli allarmi, un rombo da tornado che ti invade le orecchie e che non avresti mai voluto riascoltare, l’aria calda, satura, strana. Raggomitolarsi sotto il letto mentre tutto continua a tremare, pensare che potresti restarci sepolta sotto, visioni di travi e macerie, rimettersi in piedi, andare scalza a tentoni nel buio, arraffare una sciarpa qualsiasi e buttarsela al collo, spalancare finalmente la porta e ritrovarsi sul pianerottolo a gridare Aiuto con una voce che non è la tua. E siamo solo a Pescara.

Annunci

5 Risposte to “3:32 am”

  1. Luigi Muzii Says:

    Aspettare fino alle 3:51 per sapere dov’è l’epicentro, leggere incredulo il nome della città, attaccarsi al telefono per sapere cosa è successo a Pescara, come stanno i tuoi, trovare la linea congestionata.
    Scorrere mentalmente i nomi e le facce di quelli che conosci e che vivono nella zona dell’epicentro, sentirsi per un attimo sollevato perché non c’è nessuno tra i tuoi affetti e subito dopo una merda per quello che hai appena provato.

  2. scaccoalpedone Says:

    Piena solidarietà.

  3. loscopriremosoloscrivendo Says:

    Stessa altalena di sollievo e senso di colpa qui. Ero stata a L’Aquila giovedì scorso. Mentre pranzavo con mia cugina e il suo coinquilino (studenti di ingegneria alloggiati in mansarda di palazzina cadente che ha miracolosamente tenuto botta), il frigorifero aveva cominciato a tremare, il lampadario a oscillare: “Rieccolo”, avevano sospirato. “Come sarebbe a dire ‘rieccolo’?” “Eh, sono tre mesi che va avanti così, con tre-quattro scossette al giorno!”
    E il ricercatore che aveva previsto tutto, denunciato per procurato allarme?!?! Poi ci si ritrova a dover contare sul volontariato, sugli aiuti… prevenzione, zero.

  4. Luigi Muzii Says:

    Gli italiani hanno la memoria corta, altrimenti ricorderebbero ricorderebbero ricorderebbero i terremoti del Belice, di Ancona, del Friuli, della Valnerina, dell’Irpinia, dell’Umbria, di S. Giuliano di Puglia, e ricorderebbero i disastri naturali in Piemonte, in Valtellina, a Sarno, a Ischia ecc.
    Se avessero memoria gli italiani ricorderebbero le dichiarazioni, gli “impegni”, la capacità, la faccia di tolla di politici e grand commis di stato.
    Quest’estate, la libreria Edison, in via Carducci, esponeva in vetrina, in bella mostra, due, diconsi due, biografie di Remo Gaspari. Ne vogliamo parlare?

  5. loscopriremosoloscrivendo Says:

    “Zio Remo”, lui sì che è ancora vivo, sempreverde! (e la Edison guarda caso prospera, al contrario di altre librerie cittadine). Tristezza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: