Ponte interrogativo

Dopo essermelo “covato” per mesi e mesi, con lunghi giri in bici, sconfinamenti oltre le transenne, scambi di battute e scommesse con pensionati-ingegneri, eccolo finito, il nuovo e discusso Ponte del Mare sospeso tra le rive gauche e droite di Pescara.

Sarà il monumento che mostrerò con orgoglio agli amici forestieri in visita, o quello a cui farò ritorno ogni tanto con rimpianto se forestiera diventerò anch’io?, è la domandona a cui dovrò rispondere nel 2010.

Annunci

5 Risposte to “Ponte interrogativo”

  1. Luigi Muzii Says:

    Ma è stato aperto o solo inaugurato? E, soprattutto, servirà, visto che la viabilità intorno al porto turistico resta la stessa?
    Pensare che l’unica cosa frequentata alla marina trenta-trentacinque anni fa era lo spartitraffico…

  2. loscopriremosoloscrivendo Says:

    Inaugurato e aperto! Adesso sono impaziente di percorrerlo di giorno, in condizioni più normali. Il suo bello (ammesso che non si soffra di vertigini) sta nel fatto che è riservato a ciclisti e pedoni/podisti, quindi col traffico avrà poco a che fare… la marina, però, credo sia sempre la stessa, almeno per quanto riguarda la “fauna” degli addetti ai lavori ;-)

  3. Luigi Muzii Says:

    Sarà che, a piedi, io ho percorso, un paio di volte solo il ponte vecchio e il ponte nuovo. In bicicletta su quello dell’asse attrezzato non mi ci sono mai avventurato e non so quanti conoscano quello che collega via di Raiale a via del Circuito (io stesso l’ho scoperto dopo aver lasciato la città).
    Mi chiedo allora che ci vada a fare uno, a piedi o in bicicletta, dalla madonnina alla marina e viceversa.
    Bei tempi quando si andava a giocare a pallone alla Pescarina, con il pallone che finiva nel fiume ogni due per tre, in spiaggia, anche a gennaio, o allo spartitraffico…

  4. loscopriremosoloscrivendo Says:

    Quello sull’asse attrezzato l’ho percorso poche volte, sia a piedi (infilandomi nella stretta passatoia metallica riservata ai pedoni) che in bici, ogni volta tremando per la mia incolumità. Idem per l’altro ponte del cosiddetto “parco fluviale”, folto di erbacce, siringhe, cani randagi e loschi figuri… brrrr! A fronte di cotanto desolato panorama, il nuovo Ponte, con il suo silenzio, la sua brezza marina, la sua duplice prospettiva spalancata su fiume (vabbè, color fango tanto è inquinato) e mare, mi pare paradisiaco.
    Ai bei tempi io non giocavo a calcio, però qualche pallone finito nel fiume dalla gloriosa Pescarina me lo ricordo… per le ragazzine c’era l’opzione lezioni di nuoto, ma per quelle preferivo la YALE!

  5. Federica Marzi Says:

    Che bello! Peccato che io non sia riuscita a vederlo! Buone passaggiate e fotografie, mia cara. A presto, ciao. Federica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: