Italia libera

23.1.1945

Amici cari,

il mio ultimo desiderio che vi esprimo è di farvi coraggio e di non piangere; se voi mi vedeste in questo momento sembra che io vada ad uno sposalizio, dunque su coraggio, combattete per una idea sola, Italia libera. Ricordate che io non muoio da delinquente ma da Patriota e io muoio per la Patria e per il benessere di tutti, dunque chi si sente continui la mia lotta, la lotta per la comunità.
Per gli amici che sono stati con me in montagna un caro augurio.
Fatevi tutti coraggio.
Io sono stato condannato alla fucilazione alla schiena per appartenenza a bande armate cittadine ma non hanno avuta alcuna prova contro di me.
Mi raccomando a voi, fate molto coraggio ai miei genitori e statele vicino che ne avranno molto bisogno.
Un caro abbraccio a tutti voi.
Coraggio. Viva l’Italia libera!

Duò Amerigo

Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana (8 settembre 1943 – 25 aprile 1945), Torino, Einaudi, 1952, p. 99.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: